Fantastico! #72

Mal comune. Pippo. Baudo.

Benvenuti al settantaduesimo numero di Fantastico!

Io sono bebo e una settimana passata a far guadagnare i padroni è appena trascorsa mentre un weekend di sodoma e gomorra è alle porte. O forse no, forse semplicemente dovremmo ghigliottinarli tutti, mantenendo il distanziamento fisico e indossando le mascherine. Chissà.

  • La letteratura, così come le canzoni, sono un esperimento condotto da un matto che cerca di sviscerare alcuni temi ricorrenti: amore, morte, droga. Tira un dado, vedi cosa salta fuori dietro un paio di occhi verdi firmati da Paiaza. Un nome, una garanzia.

  • Toc toc! Chi è? La nonna morta! Ah prego, si accomodi pure in questo pratico tappeto. Questo e molto altro, dentro le padelle di Nancy.

  • Prendi una vita, trattala male, fanne dei versi e possibilmente apri le porte a quel processo maieutico e miracolosamente ateo, pericolosamente magico, che è il lavoro poetico. Non ci sono buone vie d’uscita, ma ci sono comunque vie d’uscita con Martina R.

  • Fun fact: Lerio è uno dei miei fantastici preferiti, oltre ad essere uno dei più gentili e –come tutte le persone gentili– decisamente pericolose. Non è forse un caso che in ogni suo racconto ci siano uno o più morti? Sarò forse io il prossimo, visto che questa settimana gli ho pubblicato erroneamente un brano già edito confondendo le email? Probabile. I morti giusti, invece, sono qui.

Edizione corta, compatta, dritta come un pugno di Bud Spencer per una settimana pressoché infinita, tortuosa, di escalation. Il delirio informativo è oltre ogni soglia sopportabile e, citando l’enciclica di Papa Francesco: “gli uomini di buona volontà vorrebbero trasferirsi in un altro pianeta governato da un comunismo pienamente automatizzato, vivere di gioie e piaceri, parlare con gli animali e piegare lo spazio tempo”. Ma tra noi e il famoso attaccante argentino della nazionale vaticana ci sono almeno due preghiere di distanza. Perciò:

Quando ci vedremo non saprò come vestirmi
metterò a soqquadro l’intero armadio
solo per un “sei così bella”
Ma sarà abbastanza per te?

- Madame, Sentimi

Ripetere aiuta prima di salutarvi e augurarvi buon fine settimana a bagno nella droga:

  • abbiamo deciso di lasciare Substack, ma non subito, ci siamo dati un periodo di transizione: per noi e per voi. Tra un paio di mesi la newsletter di Substack non sarà più attiva, mentre già da questa settimana vi arriverà quella di Medium. Potete iscrivervi nel box in fondo ad ogni post.

  • su www.fantastico.pro trovate il secondo numero della nostra magica rivista e vi ricordiamo che il prossimo sarà cartaceo per davvero.

Piccola newsletter chiamata Fantastico! prenditi cura di noi. 
Vi ricordiamo che siamo diventati sociali. Ci trovate su Instagram e Facebook. Non diventeremo degli influencer, potete giurarci.

Nel frattempo, ehi buon weekend!


Per non perdervi nulla di questa puntata potete scaricare il pdf a questo link. Non servono iscrizioni e bastano due click. Per recuperare i vecchi numeri sul web, andate nel nostro archivio (c’è anche la funzione cerca), per i PDF invece potete rivolgervi a Google Drive.

Per chi ha pazienza e coraggio c’è anche l’email a cui proporsi per partecipare a questa avventura: fantasticopuntoesclamativo@gmail.com. Accettiamo prosa, poesia, immaginazioni scatenate ma ad una sola condizione: non meno di 1500 caratteri.