Pork Soda

Nel 1987 Giancarlo Salimbeni, per tutti SALIMBENI, residente singolo di una bifamiliare in Via Dal Maistro nella frazione di Castellammare Di Valdobbiadene, alle ore 1:42 di una ennesima domenica trascorsa molto male, prende la pistola chiusa nella scatola delle pistole in camera di sopra, scende di sotto a mani basse e senza sale nella zucca, mette insieme un anti-karma distruttorio e fa saltare la il cervello al suo bellissimo labrador Pastorius, che dorme in cagnesco su una poltrona sgrattata di artigli.
Parte un colpo solo, in super-ovat, preciso come qualcosa di preciso, poi l'ultra-macello, sangue, schifezze.
Il SALIMBENI realizza in mezzo minuto cosa sia diventata la sua misera vita piena di nulla e forse, per la prima volta, capisce cosa davvero negli ultimi anni lo abbia portato ad un punto esplosivo di tale violenza.
Stringe il suo auto-giudizio di metallo tra le dita, tra i denti morde una veloce malinconia, le gambe paralizzate ne sentenziano la paura panica e l'annichilimento del sangue, una lacrima cola e supplica perdono a qualcuno che non sta ascoltando e non sta guardando: si infila la canna della pistola in bocca, sbatte una ultima volta le palpebre, e.
Punto.
Ei fu. Se fue. Eu fi. Bye bye Bombay. So long Giancarlo.
La Scientifica dell'Effbiai di Castellammare Di Valdobbiadene, avvertita dalla telefonata agitata di un certo AVVOCATO SANCHEZ, vicino di casa del SALIMBENI e a quell'ora della notte sveglio davanti alla televisione causa cassaintegrazione, riesce sedustante a penetrare nelle stanze bifamiliari private del medesimo in via Dal Maistro (Località San Chiari) e dichiara di rinvenire i seguenti oggetti sospetti di numero cardinale: 5, catalogati come Reperti Di Fatto / Prove Confutabili / Constatazioni, che vengono subito indicizzati e schedati in nomenclatura regolamentata e liceata dal Governo Dei Ministri e consegnati al Presidente della commissione per le indagini micro-semiotiche.
Riportansi qui gli estratti dal foglio ufficiale dello Sceriffo della Scientifica dell'Effbiai, Ufficiale Ispettore Franco Liberato:

RAPP. 18//01/87 SALIMB-G CNF-x23
NELLA CASA DEL SALIMBENI SONO STATI RITROVATI:

1) Una testa di toro imbalsamata, firmata "Paolo Carpi" all'altezza del corno sx, anno di produzione 1964, tenuta benissimo, di evidente impatto scenico-arredativo o quantomeno sicuro motivo di conversazione filosofica di fronte ad un bicchiere di whiskey e due pasticcini con un vecchio amico;  la medesima è bensì custodita, dicansi, nella cantina umida e buia del SALIMBENI, di fianco alla lavatrice e ad un poster di Mara Venier & Jerry Calà insieme manonellamano a Forte Dei Marmi nel 1985. Segni particolari della testa imbalsamata: toro.
2) Un libro a copertina rigida sulla falegnameria artistica, scritto da Espedito Johnson, presidente della facoltà di Arte E Legno dell'Università di Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch, pagine: 470, posizionato sul tavolino del soggiorno schizzato di budelli cerebrali di canide; libro evidentemente costoso e, all'apertura, dimostrantesi essere pieno di interviste vere ai piú esperti tagliatori ed escursionisti scultorei di sassofrasso, pino lupestre, frassino, abete, giannospino, acero, baobab, araucaria. Il libro presenta una leggera crosta di spermafrost sulla copertina - forse causata dalle temperature atrofiche dentr'al cuore del SALIMBENI e dai valori minimi riscontrati sullo stesso dall'empatiagramma eseguito durante l'autopsia veloce (effettuata sul luogo della strage per motivi burocratici-logistici).
3) Una mazza da tergo contro le gerricalate, posta sopra un piccolo altare in camera da letto.
Sporca di sangue e contaminata con detriti cheratinici (unghie, peli, bombecarne), sembra essere la stessa arma che potrebbe avere usato il labrador Pastorius la notte prima della strage, quando il medesimo canide sembra aver ripetutamente bastonato il SALIMBENI su dorso e torace, reo di non avergli lanciato l'ultima pallina di gomma da inseguire (segnalazione di anonimi, via fax, forse opera dell'AVVOCATO SANCHEZ).
4) Un manuale pratico di baseball.
5) Un Discorso Sull'Io (come riportato sull'etichetta) chiuso dentro una lattina tipo quelle della Simmental.

Ora del decesso del SALIMBENI: solare.
Anno 1987, via Dal Maistro.