Un milione di nuvole

E mentre il mondo scorre sotto un milione di nuvole

Le luci della città gridano al colpo di cuore

Io non posso pensare a niente che non sia perdere

Agganciarmi un bel sorriso e mettermi a correre:

Come scappano gli sconfitti scapperei anche io

Come scappano i sogni ci scapperebbe anche Dio,

Così la vita sembra sempre più identica

Come una lunga preghiera ma senza la dedica

E se la ripeti quando muori funziona:

Sembri bella come un incubo

Sempre al sole come un deserto

Con miliardi di granelli di sabbia tutti dentro ai pensieri.

Perché sarà forse un lungo viaggio la vita

Ma alzi la mano chi trova sempre la rima

E chi trova sempre la strada senza uscita

Per un milione di chilometri avanti

altrettanti all’indietro

Senza una mappa come unico credo

E aspettarti per ore all’aperto

Col cuore in mano mentre fa freddo.

Ma la legge fisica dell’anima non mente

Dice che per stare al mondo bisogna farsi d’aria

Farsi di nebbia solo se vivi in Padania,

E smettere di lavorare e credere nelle case

Meglio iniziare a ridere e amare in mezzo alle strade

Perché mi costa fatica non stare sempre sereno

Vorrei vivere meglio e urlare di meno.

E per un milione di volte mi faccio domande

Ma le risposte sono sempre altrettante domande

Così mi rivolgo ogni tanto anche a Gesù

E gli dico di prendersi in carico

Qualche altra responsabilità,

Che quel peccato della mela a me era piaciuto

E mi dispiace sostenga un peso che non gli era dovuto:

Che mi faccia venire una buona idea

Diventare padre almeno di un po’ di coraggio

Per tornarmene a casa un po’ prima di sera.

E anche oggi è scappata

E anche oggi magari è tornata,

Ma la tristezza è una parte che nella vita dicono essere importante

E per quanto non creda agli adagi

Volevo ripetere ancora una volta:

“Se questa vita è un inferno

La metteremo su un foglio

Ma non ci faremo la spesa,

Sarà solo un gioco in attesa

Che un milione di nuvole passi

E il cuore riprenda il suo corso”