Fantastico! #70

Nomi. Cose. Città.

Benvenuti al settantesimo numero di Fantastico!

Qui è Rebecca e finalmente da una settimana sono di nuovo in piedi.
Ehi! ma siamo arrivati ad un numero tondo tondo che ci dice che questo bel progetto sta andando avanti da un po’. Che bellezza.
Ma inoltriamoci tra le righe di oggi:

- In apertura una formidabile Sara Pilastro che gratta la superficie della sua vita per ricordare a sé stessa e a noi tutti che siamo vivi, che lottare vale la pena.

- Arrivo poi io, Rebecca appunto, a braccetto con una piccola riflessione sulla condizione dell’immobilità fisica e mentale. Lo so sono un peso.

-Lerio ci regala una geniale invettiva, direi che mi ha convinto a smettere con il fumo. Se non la pianti è sangue.

-In conclusione Mirta, che con la dolcezza di questi versi entra nelle pieghe della sua anima e cerca di fare ordine nel caos delle emozioni che la toccano.

Un numero compatto ma intenso, del quale andiamo molto fieri. Personalmente sono felice di ritornare in pista, di ritornare a leggere e scrivere.
Auguro a tutti voi, ma già so che lo sapete, di non smettere mai di fare a botte con quello che vi accade per prendervi i vostri sogni, che sono un diritto inalienabile anche se il mondo ci fa credere il contrario. Coinvolgiamo, coinvolgiamoci. Non perdete mai l’occasione di dire la vostra con coraggio.
La settimana scorsa è morta una grande donna. Vi lascio con una sua piccola citazione:

- Fight for the things you care about, but do it in a way that will lead others to join you.

(Ruth Bader Ginsburg, da un discorso tenuto nel 2015)

Piccola newsletter chiamata Fantastico! prenditi cura di noi. 
Vi ricordiamo che siamo diventati sociali. Ci trovate su Instagram e Facebook. Non diventeremo degli influencer, potete giurarci. 

Nel ricordarvi che se siete andati a votare siete stati bravi, buon lunedì!

Per non perdervi nulla di questa puntata potete scaricare il pdf a questo link. Non  servono iscrizioni e bastano due click. Per recuperare i vecchi numeri sul web, andate nel nostro archivio (c’è anche la funzione cerca), per i PDF invece potete rivolgervi  a Google Drive. 

Per chi ha pazienza e coraggio c’è anche l’email a cui proporsi per partecipare a  questa avventura: fantasticopuntoesclamativo@gmail.com. Accettiamo prosa, poesia, immaginazioni scatenate ma ad una sola condizione: non meno di 1500 caratteri.